Campidano

Tipo Punto: 
Regione Storica
Località: 
Arborea
Baratili San Pietro
Cabras
Marrubiu
Nurachi
Ollastra
Oristano
Palmas Arborea
Riola Sardo
San Nicolò d'Arcidano
San Vero Milis
Santa Giusta
Siamaggiore
Siamanna
Siapiccia
Simaxis
Solarussa
Terralba
Tramatza
Uras
Villaurbana
Zeddiani
Zerfaliu
Il Campidano di Oristano è una sub-regione della Sardegna occidentale il cui territorio apparteneva nel periodo medioevale al Giudicato di Arborea. Ma, in epoche precedenti, Il Golfo è stato caratterizzato, per la grande concentrazione di risorse, dalla fondazione di tre centri urbani di epoca fenicia: Neapolis, Othoca e Tharros, importanti aree archeologiche.
il territorio è fra i più fertili, con una massiccia produzione di aranci e olivi, oltre alla vernaccia, il vino più tipico dell'Isola. Il paesaggio è prevalentemente pianeggiante, dove agli allevamenti e alle colture intensive si alternano i canali e le lagune: un ambiente umido d’importanza internazionale e di grande interesse naturalistico ed ecologico Nelle lagune è fiorente la pesca dalla quale derivano prelibatissimi prodotti gastronomici.
Le zone umide sono anche state oggetto di imponenti bonifiche: a partire dal 1919 e nel 1928 fu fondata Arborea, allora Mussolinia, centro di una vasta area bonificata dalle paludi e interessante esempio urbanistico e architettonico di città di fondazione, il cui centro cittadino presenta elementi in stile liberty e neogotico. 
Una nota a parte merita Oristano, il capoluogo, fondata nel 1070 e antica capitale del medievale giudicato di Arborea, governato dalla giudicessa Eleonora d’Arborea, promotrice della Carta de Logu, uno fra i primi codici di leggi scritte in Europa. La città conserva la maestosa Torre di San Cristoforo, chiamata anche Porta Manna (porta grande). Da visitare l’Antiquarium Arborense,  dove si possono ammirare diversi reperti archeologici provenienti dagli scavi della città fenicio-romana di Tharros.
Per quanto riguarda gli edifici religiosi, sono da visitare sia la maestosa Cattedrale di Santa Maria Assunta, nel centro storico della città, sia la piccola chiesa di Santa Chiara, che rappresenta uno dei rari esempi di stile gotico in Sardegna e tante altre  Chiese  fra le vie del centro.
A Oristano Carnevale è sinonimo di sartiglia: una manifestazione equestre unica nel suo genere, probabilmente introdotta nel 1350, nella quale il capocorsa su componidori e tutti i cavalieri devono lanciarsi al galoppo e infilzare con la  spada una stella appesa ad un filo. La sartiglia è seguita poi dal folto gruppo di cavalieri che danno vita alle pariglie con straordinarie acrobazie in corsa.
Anche nei piccoli centri del campidano di Oristano sono presenti pregevoli Chiese di diverse epoche storiche: in particolare la Cattedrale romanico-pisana intitolata alla martire Santa Giusta, su un rilievo all'ingresso del paese, gioiello dell'architettura del tempo.

Posizione

GPS: Lat. 39° 54' 44.1144" N - Lon. 8° 35' 18.8232" E