Museo I Cavalieri delle colline

Tipo Punto: 
Museo
Località: 
Masullas

L'edificio che ospita il Museo, riportato al suo antico splendore grazie ad un accurato restauro, si articola su due piani e su un ammezzato che si affaccia su un lungo balcone prospiciente la chiesa medievale di San Leonardo. Alla fine del '500 era già sede della Curia baronale ed il feudatario vi amministrava la giustizia. Nell'ultima parte del 1700, il Governo sabaudo istituì in tutta la Sardegna sedici “Tappe di Insinuazione”, corrispondenti agli attuali Uffici del Registro. 
Proprio per l'importanza che in quel tempo Masullas rivestiva all'interno del “Parte Montis” e, più in generale della Marmilla, una di esse fu aperta proprio qui. L'imponente contesto socio-economico favorì inoltre l'arrivo e lo stanziamento di personaggi della ricca borghesia provenienti non solo dalle altre zone della Sardegna, ma anche da altre parti del Regno. 
Numerose furono le famiglie di Masullas, ricche e borghesi che furono insignite di un titolo nobiliare a partire dai Flores, di cui un certo Francesco sposandosi con Manencia Nurra, andrà a costituire la famiglia Flores-D'Arcais, marchesi di Oristano. 
Il museo “I cavalieri delle colline” racconta la storia dell’aristocrazia rurale di Masullas e del Parte Montis, inserita nel contesto più ampio della nobiltà in Sardegna. 
Il percorso inizia con un inquadramento dei principali eventi della storia sarda, dal periodo giudicale sino all’età sabauda, ed il loro rapporto nella concessione degli istituti nobiliari. Segue una descrizione del territorio sotto l’aspetto amministrativo e giudiziario, le relazioni tra il ceto nobiliare e la Chiesa, le umili condizioni in cui erano costretti a vivere gli abitanti dei villaggi. 
Un ampio spazio è dedicato alla storia delle famiglie del territorio insignite del titolo nobiliare. 
La mission del museo ambisce anche a favorire la conoscenza e il confronto tra le giovani generazioni sull’evoluzione storica riguardante il tema Giustizia e Legalità. L’esposizione è arricchita da opere artistiche di pregio, da armi e documenti appartenenti ai nobili locali, da ricostruzioni dei costumi dell’epoca, da preziosi ed antichi libri, dalla rappresentazione orografica del territorio con i rispettivi villaggi (anche quelli scomparsi), da oggetti utilizzati negli organismi del Regno, dall’illustrazione dell’architettura delle case nobiliari. 
La sala didattica, dotata di postazioni informatiche per approfondimenti e ricerche, presenta proposte tecnologiche innovative per incentivare i giovani alla conoscenza degli argomenti propri del museo; contiene, inoltre, una ricca collezione di volumi sui medesimi temi.

Indirizzo: 
Piazza San Leonardo
Cellulare: 
389 1777100

Orario: solare dal mercoledì alla domenica: mattina 10.00 -12.00 pomeriggio 15.00 – 18.00 
orario legale dal mercoledì alla domenica: mattina 10.00 -12.00 pomeriggio 16.00 – 19.00 
chiusura settimanale: lunedì e martedì 

Ingresso: intero: € 4,00 ridotto: € 3,00 intero cumulativo: € 6,00 – I Cavalieri delle colline + GeoMuseo MonteArci ridotto cumulativo: € 4,00 – I Cavalieri delle colline + GeoMuseo MonteArci

Posizione

GPS: Lat. 39° 42' 6.4404" N - Lon. 8° 47' 2.8644" E