Castagne

Nelle zone montuose della Sardegna, in autunno maturano  i frutti del castagno, gli imponenti alberi, alti oltre 30 metri, lasciano cadere i loro ricci, dai quali vengono estratti i prelibati frutti. In passato le castagne erano considerate un dono preziosissimo della natura perché potevano sfamare negli inverni più rigidi, si conservavano a lungo, si prestavano a moltissime ricette e addirittura venivano usate come moneta di scambio. Ora nella gastronomia sarda, il dolce frutto può essere gustato in tanti modi: semplicemente bollito o anche essiccato e ridotto in farina, come ingrediente della tradizione in gustose minestre, con aggiunta di patate, cotenna di maiale ed aromi delle montagne. Oppure come profumate caldarroste, gustate per strada con un sorso di esuberante vino novello.